Seguici anche su
facebook  rss  twitter

Documentazioni

L'esperto risponde
L' avv. Ermenegildo Mario
Appiano
risponde su temi
di contrattualistica commerciale,
sulla tutela dei marchi all'estero
e sulla legislazione vinicola

Ricerca nel sito

Uiv-Ismea, vendemmia 2017 a 40 milioni di hl

A vendemmia ormai iniziata in gran parte del Paese, inizia a farsi più chiara la situazione del vigneto Italia che dalle previsioni di un mese fa della Coldiretti (44-45 milioni di hl), a quelle di fine agosto della Assoenologi (41,1) vede ora le stime di Uiv-Ismea assestarsi a 40 milioni di hl. Ieri, in una conferenza stampa presso il ministero delle Risorse agricole, sono stati presentati i risultati della indagine vendemmiale che Uiv-Ismea svolgono annualmente e che per il 2017 indicano, con 40,02 milioni di hl una riduzione del 26% rispetto ai 54 milioni indicati dall’Istat per la vendemmia 2016. Siamo quindi al minimo storico nazionale degli ultimi 50 anni, con riduzioni oltre il 20% in quasi tutte le regioni tranne Veneto, Friuli-Venezia Giulia e Trentino-Alto Adige, al nord, e in Campania al sud.

La vendemmia, è stato ricordato nel corso dell’incontro, è arrivata dopo una annata decisamente anomala, segnata da un inverno mite e asciutto e da gelate tardive mentre la prolungata siccità e le elevate temperature per tutta la stagione vegetativa hanno indotto stress idrici durante la maturazione delle uve. Per quanto riguarda l’aspetto qualitativo, il clima caldo e secco ha favorito uve molto più sane della media, con una sensibile riduzione di fitopatie e un minore numero di trattamenti fitosanitari. Allo stesso modo, il grado zuccherino risulta superiore mentre la ridotta escursione termica tra giorno e notte non ha purtroppo favorito l’ottimale sviluppo degli aromi.

Una vendemmia ridotta può però portare a qualche tensione sul versante dei prezzi: durante la conferenza stampa è stata infatti evidenziata l’attuale tendenza all’aumento dei listini dei vini comuni, da sempre più sensibili alle oscillazioni produttive rispetto alle Doc-Docg. Secondo le rilevazioni Ismea, infatti, la campagna in corso si è aperta con i prezzi di agosto in crescita del 4% sui bianchi comuni e del 2% sui rossi comuni rispetto a luglio. Prezzi in aumento anche su base tendenziale, specialmente per i bianchi.