Seguici anche su
facebook  rss  twitter

Documentazioni

L'esperto risponde
L' avv. Ermenegildo Mario
Appiano
risponde su temi
di contrattualistica commerciale,
sulla tutela dei marchi all'estero
e sulla legislazione vinicola

Ricerca nel sito

Registro telematico, si inizia da domani

Oggi per gli operatori vitivinicoli termina il periodo transitorio per l’entrata in vigore dell’obbligo di tenuta in forma dematerializzata dei registri di cantina. Nonostante il non perfetto funzionamento della piattaforma Sian non sono previste ulteriori deroghe per cui da domani 1° luglio le annotazioni delle operazioni vinicole andranno registrate sul registro telematico nelle modalità e nei termini previsti dal Dm 20 marzo 2015 e tenuto conto delle ulteriori disposizioni introdotte dalla legge n. 238/2016 (articolo 58). A tale proposito l’Icqrf ha diramato l’altro ieri una circolare apposita (prot. n. 717 del 28/6/2017) che ribadisce l’avvio dell’obbligatorietà del registro telematico ma chiede agli ispettori, almeno nella prima fase, di indirizzare i loro controlli sulla sostanza delle situazioni di giacenza fisica nelle cantine più che sugli aspetti meramente formali. La prima annotazione che dovrà essere effettuata sul registro telematico sarà quella relativa alle giacenze dei prodotti detenuti al 1° gennaio 2017, così come riportato dalla circolare n. 6181 del 9 maggio 2017.