Seguici anche su
facebook  rss  twitter

Documentazioni

L'esperto risponde
L' avv. Ermenegildo Mario
Appiano
risponde su temi
di contrattualistica commerciale,
sulla tutela dei marchi all'estero
e sulla legislazione vinicola

Ricerca nel sito

Filtro
  • Tutto è pronto per il 49° Vinitaly

    ‘Vinitaly rappresenta nel mondo tutta l’esperienza vitivinicola nazionale. Verona sarà l’occasione per fare insieme il punto delle cose fatte dal governo per la semplificazione burocratica e l’internazionalizzazione delle nostre aziende e per lanciare i nuovi obiettivi oltre l’Expo 2015, tra questi il Testo Unico sul vino, per la riorganizzazione e il riordino del comparto’. Queste le parole del ministro delle Politiche agricole Maurizio Martina durante la conferenza stampa di ieri a Roma per la presentazione del 49° Vinitaly (22-25 marzo). Il 2014 è stato un anno decisamente difficile per l’economia mondiale ma nel mondo del vino si respira comunque aria di ottimismo: intervistando 30 tra le realtà enologiche italiane più importanti, il 55% di queste esprime fiducia per il 2015; il 35% in questi primi due mesi ha già avuto riscontri positivi e il 5% prevede un anno molto positivo. E anche il Vinitaly va a gonfie vele: gli espositori sono ora oltre 4.000 e la superficie occupata è cresciuta a 91.000 metri quadrati, che diventano 100.000 con Sol&Agrifood ed Enolitech. Tra le iniziative di Vinitaly, OperaWine in programma il 21 marzo in collaborazione con Wine Spectator e, dal 16 al 20 marzo sempre a Verona, il primo Corso di certificazione per specialisti del vino italiano. Al Vinitaly, infine, vi sarà anche la presentazione ufficiale di Vino - A taste of Italy, il salone del vino all’interno del Padiglione Italia dell’Expo di Milano.


     

  • New York, i 30 anni del Gala Italia

    Non è stata solo una festa per celebrare il successo del vino italiano negli Stati Uniti (dai 44 milioni di dollari del 1975 ad oltre un miliardo e quattrocento milioni nel 2014), il 30° Gala Italia svoltosi giovedì scorso a New York ha voluto ringraziare l’impegno intenso e costante che i produttori vinicoli italiani hanno saputo offrire per il raggiungimento di questi traguardi. È dal 1985 infatti che l’Italian Wine & Food Institute organizza questo evento di risonanza internazionale il cui punto centrale è il Wine & Food Tasting, dove erano presenti, tra i molti dei grandi protagonisti del vino italiano, le 37 aziende che parteciparono alla prima edizione. Per l’occasione, al centro del salone del Pierre Hotel di New York sono state esposte le bottiglie dell’annata 1985 presenti allora, ormai difficilmente reperibili, in speciali confezioni di legno donate dai produttori e poi messe all’asta a beneficio dell'educational fund per la creazione di borse di studio.


  • Francia, chieste nuove regole per l'irrigazione

    Il Comitato nazionale francese dei vini Aoc della Inao, riunitosi la scorsa settimana, ha votato un testo che modifica profondamente le regole per la irrigazione dei vigneti Aoc e che ora verrà inviato al ministero dell’Agricoltura per essere poi tradotto in un opportuno decreto. L’irrigazione, ora eventualmente permessa solo tra il 15 giugno e il 15 agosto, potrà essere richiesta al di fuori di tali date calcolando però la necessaria compensazione degli stress idrici subiti dal vigneto. L’autorizzazione alla irrigazione dovrebbe perciò essere concessa dopo una valutazione più severa che in passato, considerato che ogni singola richiesta dovrà ora essere integrata da un opportuno piano di controllo e di ispezione così come da adeguate procedure di controllo dell’irrigazione. Se il vigneto viene irrigato, questi non potrà assolutamente produrre uva al di là della resa minima prevista o, in altre parole, se la produzione supererà la resa prevista dal disciplinare, solo i vigneti no irrigati potranno avere diritto alla denominazione.


  • Niente nuove fiere in Cina per Vinexpo

    Durante una conferenza stampa tenutasi ad Hong Kong la scorsa settimana, Guillaume Deglise, direttore generale di Vinexpo, ha affermato che attualmente non vi sono piani immediati per creare una nuova fiera vinicola in Cina dopo la cancellazione di Vinexpo in Beijing programmata lo scorso giugno ma gli sforzi di crescita e di promozione verranno indirizzati verso Vinexpo Asia-Pacific di Hong Kong e verso Vinexpo Nippon di Tokio. Deglise si è detto poi fiducioso nella ripartenza del mercato vinicolo in Cina, grazie ai segnali di crescente interesse da parte dei consumatori che non mancheranno di influenzare il mercato. Da quest’anno, infatti, il consumo pro capite è previsto in crescita, mentre dal punto di vista statistico si segnala già una certa riduzione delle attuali giacenze di vino delle scorse annate.


  • Il crowdfounding entra nel mondo del vino

    Per la prima volta una azienda vinicola ha deciso di aprirsi ad un pubblico di investitori più ampio mediante la tecnica del crowdfunding, un metodo di finanziamento collettivo che richiede piccoli capitali da parte di un gran numero di persone. E così la Domaine Chanzy di Borgogna, 32 ettari di vigneti in Côte Chalonnaise, Côte de Beaune e Côte de Nuits, è riuscita a raccogliere in 24 ore più di 180.000 euro sulla piattaforma online seedrs.com grazie allo slancio di 130 micro investitori di tutta Europa. In più, Domaine Chanzy offre agli investitori che acquistano un minimo di 1000 azioni sconti fino al 55 per cento sui propri vini, da quelli di più economici ai premier e Grand Cru Domaine. L’obiettivo finale è la raccolta di 2,5 milioni di euro che Domaine Chanzy intende utilizzare per sviluppare la rete di distribuzione e creare un nuovo marchio di vini di Borgogna rivolto soprattutto ai consumatori stranieri.


  • La Russia vuole un prezzo minimo per il vino

    Il governo russo vuole introdurre un prezzo minimo per il vino, una misura simile a quella decisa nel 2010 per la produzione di Vodka. L’intenzione è quella di rendere la coltivazione della vite più redditizia e di contrastare il fenomeno delle contraffazioni di vino sul mercato interno. Il prezzo minimo dovrebbe essere fissato tra 100 e 110 rubli (1,28 / 1,41 euro al cambio odierno) per il vino tranquillo e tra 120 e 130 rubli (1,54 / 1,67 euro) per quello frizzante. Poiché attualmente gran parte del vino a buon mercato viene offerto ai consumatori sotto i 100 rubli, l’introduzione di un prezzo minimo potrebbe ottenere il risultato di una diminuzione del consumo di vino in Russia e per contro una crescita dei consumi di Vodka e di alcolici.


  • I Signori del vino su Rai2

    È andata in onda ieri sera la prima puntata dei Signori del vino, un viaggio attraverso dieci regioni, Piemonte, Sicilia, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lazio, Toscana, Trentino Alto Adige, Lombardia, Veneto e Abruzzo, per presentare ai telespettatori alcuni dei più grandi produttori vinicoli italiani, la loro storia e il loro lavoro in vigna e in cantina. Ideato da Marcello Masi e Rocco Tolfa, direttore e vicedirettore del tg2, e realizzato in collaborazione con il ministero delle Politiche agricole, il programma si avvale della collaborazione di Marco Simonit, che si occuperà degli aspetti più tecnici in merito alla coltivazione, raccolta e vinificazione.

    Il programma, trasmesso su Rai2 ogni sabato sera alle 23.45, è disponibile anche in streaming sulla pagina Signori del vino sul sito della Rai.