Seguici anche su
facebook  rss  twitter

Documentazioni

L'esperto risponde
L' avv. Ermenegildo Mario
Appiano
risponde su temi
di contrattualistica commerciale,
sulla tutela dei marchi all'estero
e sulla legislazione vinicola

Ricerca nel sito

L'ESPERTO RISPONDE

Dimensioni minime caratteri e loro posizione sull'etichetta

Non sono previste specifiche dimensioni dei caratteri da utilizzare nell’etichettatura, salvo alcuni casi particolari. Le indicazioni obbligatorie devono essere riportate nello stesso campo visivo e devono essere indelebili e chiaramente distinguibili dalle altre indicazioni. Lotto, allergeni (contiene solfiti) e importatore possono essere indicati anche fuori dal campo visivo (vedi art. 50 del regolamento n. 607/09). È prevista la minimizzazione dei caratteri quando nell’indirizzo o nella ragione sociale dell’imbottigliatore è riportata una denominazione di origine (vedi art. 56, comma 6 del regolamento n. 607/09 e art. 4, punto 2 del Dm 23 dicembre 2009.

Per il decreto nazionale 23 dicembre 2009, in questo caso, i caratteri devono essere di dimensioni non superiori a 3 millimetri di altezza e a 2 millimetri di larghezza e in ogni caso non superiori ad un quarto sia in altezza sia in larghezza. L’articolo 15 dello stesso Dm prevede analoga minimizzazione dei caratteri per riportare talune indicazioni veritiere e documentabili nell’ambito di vini DOP e IGP. Specifiche dimensioni dei caratteri sono previste per riportare il titolo alcolometrico effettivo e per indicare la capacità nominale del recipiente.