Seguici anche su
facebook  rss  twitter

Documentazioni

L'esperto risponde
L' avv. Ermenegildo Mario
Appiano
risponde su temi
di contrattualistica commerciale,
sulla tutela dei marchi all'estero
e sulla legislazione vinicola

Ricerca nel sito

Export vinicolo italiano, ci sono buone notizie

Anche se manca ancora un trimestre statistico, l’analisi dei primi nove mesi dell’export vinicolo italiano delinea già uno scenario decisamente roseo: con 3,5 miliardi di euro di export (+8,5%) sembra davvero raggiungibile a fine 2013 il record di 5 miliardi di fatturato tra vini e mosti. La spinta decisiva la daranno i vini spumanti, che registrano in nove mesi una crescita del 16,3% in quantità e dell’8,0% in volume. Tra tutti spicca il risultato del Prosecco, con 683.000 hl esportati (+27,2%) e 262 milioni di euro in valore (+28,4%). Il Prosecco miete successi soprattutto negli Stati Uniti, +18,0% in quantità e +24,4% in valore, e nel Regno Unito, +50,1% in quantità e +46,5% in valore. Da segnalare l’interesse crescente della Cina per i nostri spumanti: il quantitativo esportato è ancora modesto, 20.000 hl circa, ma che ha visto una crescita in soli nove mesi del 68,8%.