Seguici anche su
facebook  rss  twitter

Documentazioni

L'esperto risponde
L' avv. Ermenegildo Mario
Appiano
risponde su temi
di contrattualistica commerciale,
sulla tutela dei marchi all'estero
e sulla legislazione vinicola

Ricerca nel sito

In essenziale parità l’export 2013 negli Usa

Non esaltante, ma accettabile nel contesto dell'attuale andamento del mercato vinicolo statunitense. Questo il primo commento dell’Italian Wine & Food Institute di New York nei confronti dell’export vinicolo italiano verso gli Usa che, dopo una serie di alti e bassi, ha visto una chiusura in sostanziale parità con quelle dell’anno precedente. Tradotto in cifre, l’Italia è passata da 2,489 a 2,476 milioni di hl (-0,5%) con un valore cresciuto da 1,208 miliardi i dollari a 1,288 (+6,6%).

Solo la Francia ha tenuto il passo con l'Italia con una contrazione dell'1,0% in quantità ed un aumento del 4,8% in valore mentre quasi tutti gli altri paesi hanno fatto registrare perdite notevolmente consistenti: l'Australia -10,5% in quantità e -5,8% in valore; l'Argentina -31,2% e -11,6%; il Cile -10,3% e -6,8% e la Germania - 10,9% e -6,9%.

Per l’export italiano di spumanti, sempre secondo la nota dell’Italian Wine & Food Institute, il 2013 è stato invece un anno molto positivo. L’Italia detiene infatti la prima posizione, con 364.010 hl, per un valore di 215.467.000 dollari, contro i 317.970 hl per un valore di 186.607.000 dollari, con un incremento del 14,5% in quantità e del 15,5% in valore.