Seguici anche su
facebook  rss  twitter

Documentazioni

L'esperto risponde
L' avv. Ermenegildo Mario
Appiano
risponde su temi
di contrattualistica commerciale,
sulla tutela dei marchi all'estero
e sulla legislazione vinicola

Ricerca nel sito

Troppe le Doc piemontesi, accorpiamole, ne bastano 23

Le denominazioni piemontesi sono attualmente 66, ma il Comitato per la celebrazione del cinquantesimo anniversario della Legge Desana ritiene siano troppe e soprattutto di scarsa incisività a livello di comunicazione e di immagine. Ecco quindi partire una proposta di revisione globale di tutte le denominazioni piemontesi, raggruppandole su quattro fasce di livelli e riducendole a 23.

Più in dettaglio, la proposta prevede una prima fascia di vini di interesse internazionale per una produzione di circa 130 milioni di bottiglie; una seconda fascia prevalentemente di diffusione nazionale (circa 165 milioni di bottiglie tendenzialmente in riduzione verso 150 milioni); una terza fascia denominata vini terroir, perché fanno riferimento a territori limitati, infine una quarta fascia di vini cosiddetti da collezione.

Con questa griglia operativa, tra accorpamenti e razionalizzazioni, il Comitato propone la riduzione a sole 23 denominazioni e cioè gli spumanti Asti e Alta Langa; i bianchi Gavi e Arneis; i rossi Barbaresco, Barbera d’Asti, Alba, Barolo, Carema, Gattinara, Ghemme, Ruchè di Castagnole Monferrato, inoltre le tre denominazioni Piemonte, Langhe, Monferrato (bianchi e rossi); infine gli aromatici Brachetto d’Acqui, Caluso Passito, Loazzolo, Moscato d’Asti, Strevi. Una similare operazione è prevista anche a livello di consorzi di tutela.

È un progetto sicuramente non semplice e di complessa articolazione, il Comitato ritiene però che il necessario e auspicato dibattito, avviato ora, non debba andare troppo in lungo, ma si concluda nei primi mesi dell’anno prossimo per poi passare alla fase legislativa vera e propria. Per approfondimento leggere il testo completo della propostapubblicato dalla rivista Barolo & co.