Seguici anche su
facebook  rss  twitter

Documentazioni

L'esperto risponde
L' avv. Ermenegildo Mario
Appiano
risponde su temi
di contrattualistica commerciale,
sulla tutela dei marchi all'estero
e sulla legislazione vinicola

Ricerca nel sito

Uno sguardo alle vendite di vino on line

Le vendite di vino on line hanno superato i 5 miliardi di dollari nel 2012 e crescono con un ritmo del 30% all’anno, lo afferma uno studio della Global Wine Spirits che però rammenta come il canale on line sia ancora solo il 5% delle vendite di vino nel mondo, per cui i canali di vendita tradizionali, secondo la Global Wine Spirits, rimarranno ancora per parecchio robusti e affidabili. I consumatori europei sono i più sensibili alle vendite effettuate su Internet, infatti tra tutti i Paesi il Regno Unito è al primo posto, con l’11%, mentre il resto dell’Europa cresce dall’8 al 10%. Gli Stati Uniti sono invece parecchio indietro con appena il 2%.

Dallo studio della Global Wine Spirits si evidenziano inoltre i quattro modi di acquistare vino on line, dai siti discount o di aste, che mettono in vendita quantità limitate di vini con sconti fino al 50%, ai siti delle singole aziende, che invece preferiscono proporre offerte ai loro clienti diverse ogni giorno. Anche il negozio o l’enoteca tradizionale sono molto attivi su Internet sfruttando la possibilità di ritirare le bottiglie scelte al punto vendita risparmiando così i costi e i tempi di spedizione. Infine non vanno sottovalutati i Wine Clubs, dove i soci possono acquistare da aziende vinicole che praticano la vendita diretta al consumatore e riescono quindi ad ottenere un miglior margine di guadagno saltando la intermediazione.