Seguici anche su
facebook  rss  twitter

Documentazioni

L'esperto risponde
L' avv. Ermenegildo Mario
Appiano
risponde su temi
di contrattualistica commerciale,
sulla tutela dei marchi all'estero
e sulla legislazione vinicola

Ricerca nel sito

Ismea, ancora in flessione i vini comuni

Continua senza sosta la tendenza al ribasso dei prezzi sui mercati internazionali dei vini comuni. Lo rileva una recente analisi Ismea sulle dinamiche dei prezzi dei vini italiani ed esteri, in particolar modo nel segmento dei vini comuni, caratterizzati da una forte competitività dei vini spagnoli, scambiati a prezzi nettamente più bassi grazie anche alle ingenti scorte della super vendemmia del 2013. In un anno il prezzo in Italia dei vini comuni bianchi è sceso del 25% circa e ora è di 3,27 euro/ettogrado, mentre per i rossi il prezzo è di 3,95 (-7%). Analogamente in Spagna, dall’inizio del 2015 ad oggi i bianchi si sono sempre posizionati sotto la soglia di 1,90 euro/ettogrado, scendendo a a 1,79 euro, mentre i rossi sono scambiati a 2,82. Diversa è la situazione del mercato francese da sempre meno sensibile alle oscillazioni internazionali perché non ha un mercato dei vini comuni sfusi così rilevante come Spagna e Italia. Salendo lungo la piramide qualitativa, il condizionamento del mercato spagnolo si fa sempre più debole: i vini bianchi Igt sono in calo solo del 12% mentre per i rossi Igt la flessione si limita al 4%. In crescita invece le quotazioni dei vini Doc-Docg, +6% i rossi e +2% i bianchi dall’inizio dell’anno.