Seguici anche su
facebook  rss  twitter

Documentazioni

L'esperto risponde
L' avv. Ermenegildo Mario
Appiano
risponde su temi
di contrattualistica commerciale,
sulla tutela dei marchi all'estero
e sulla legislazione vinicola

Ricerca nel sito

L’Australia apre le porte ai vini italiani e francesi

Brutte notizie per il vino australiano: mentre l’export perde slancio, il mercato interno subisce uno scossone e, nel primo trimestre di quest’anno, l’import di vini italiani e francesi è cresciuto rispettivamente del 23 e del 40 per cento mentre le vendite di vini cileni hanno addirittura raddoppiato di volume. Il tutto a discapito dello stesso vino australiano, la cui vendita è diminuita del 6%, un calo record negli ultimi venti anni.

Molteplici i motivi, tra cui un eccesso di offerta globale di vino che dura da parecchi anni, ma anche il cambio del dollaro australiano, ora molo forte, influenza l’interscambio tra Australia e reso del mondo. Resta ora da vedere se queste cifre rappresentano solo un momento temporaneo o sono l’inizio di una nuova tendenza, considerato che in un solo decennio l’import è già salito dal 3 al 15 per cento del totale delle vendite di vino in Australia.