Seguici anche su
facebook  rss  twitter

Documentazioni

L'esperto risponde
L' avv. Ermenegildo Mario
Appiano
risponde su temi
di contrattualistica commerciale,
sulla tutela dei marchi all'estero
e sulla legislazione vinicola

Ricerca nel sito

In arrivo un decreto legge sui controlli dei vini Dop e Igp

Il ministero per le Politiche agricole decide di superare lo stallo in corso con alcune regioni, Veneto in primis, sul tema dei controlli dei vini Dop e Igp e lo fa ricorrendo a un decreto legge di prossima pubblicazione, in tempo comunque affinché le nuove disposizioni entrino in vigore entro il 31 luglio, data di scadenza degli attuali incarichi di controllo. Rimane la problematica di riscrivere in tempi brevissimi i nuovi piani di controllo in linea con il decreto.

Il decreto in arrivo introdurrebbe (il condizionale è d’obbligo fino alla sua pubblicazione) per i vini Igp il controllo a campione da parte di enti terzi certificati e non più dall’ispettorato ministeriale per il controllo qualità (Icqrf). Resta ora da vedere il problema del costo dei controlli, che per i vini Igp dal 2009 erano a carico dell’Icqrf, mentre ora saranno a carico dei produttori, con controlli sistematici a livello documentale e verifiche a campione, diventando assai onerosi rispetto al valore del prodotto.

Ricordiamo che per l’articolo 25 del regolamento Ce 607/2009 la verifica annuale per i vini Dop e Igp consiste in un esame organolettico e analitico per i vini Dop, un esame analitico soltanto o un esame organolettico e analitico per gli Igp e una verifica delle condizioni riportate dal disciplinare di produzione. La verifica annuale inoltre può avvenire mediante controlli casuali in base ad una analisi di rischio, oppure con controlli a campione, oppure con controlli sistematici oppure mediante una combinazione dei vari tipi di controllo.