Seguici anche su
facebook  rss  twitter

Documentazioni

L'esperto risponde
L' avv. Ermenegildo Mario
Appiano
risponde su temi
di contrattualistica commerciale,
sulla tutela dei marchi all'estero
e sulla legislazione vinicola

Ricerca nel sito

Il 10% del vino della Repubblica Ceca risulta di provenienza estera

Vini comprati all’estero a prezzi molto bassi e venduti poi come vini locali o tagliati clandestinamente, un fenomeno che sembra dilagare inarrestabile nella Repubblica Ceca e che viene calcolato dall’ispettorato frodi nazionale addirittura al 10% della quantità complessiva venduta. Il fenomeno riguarda soprattutto gli operatori vinicoli della Moravia, la più nota zona vinicola della repubblica ceca, e sembra ripetersi ormai da tempo.

‘I viticoltori cechi non si sentono minacciati dalla concorrenza dei vini stranieri di qualità, ma da quelli a bassissimo costo e di qualità più che discutibile’, dice Pavel Krska, direttore del Narodni Vinarske Centrum, il Centro nazionale della viticoltura. Fatto sta che alcune cantine sembra riescano ad operare con la massima disinvoltura senza subire alcun controllo superando di gran lunga quel 10% di media fin qui rilevato.